Pages Menu
Rss
Categories Menu

Santa Teresa Gallura

Santa Teresa Gallura (Lungòni in gallurese, Lungone in sardo,Lungùn in bonifacino, Lùngoni o Santa Tiresa in corso) è un comune di 5.225 abitanti della provincia di Olbia-Tempio.

Il paese si snoda su un promontorio che guarda a Nord la costa meridionale della Corsica, distante appena 11 miglia, a Nord-Est l’arcipelago de La Maddalena, e ad ovest si affaccia sul Mar di Sardegna. Il centro abitato si sviluppa attorno a due insenature: quella di Porto Longone, in fondo alla quale c’è il porticciolo, e quella di Rena Bianca, che racchiude una spiaggia di sabbia finissima e bianca. Una delle caratteristiche peculiari della conformazione della cittadina è la pianta romana, ovvero un impianto urbano fatto di una rete di vie che si incrociano perpendicolarmente. La forma è tipica degli insediamenti piemontesi di origine militare (ad esempio come Carloforte e Calasetta costruiti per i tabarchini provenienti dalla Tunisia) e la dice quindi lunga sull’incidenza che ha avuto la presenza del contingente piemontese nei luoghi.

Anticamente conosciuta col nome di Longosardo(o Longo sardo), era già in periodo romano un porto di notevole importanza per i traffici commerciali e dal quale veniva portato a Roma il granito estratto nei dintorni; queste informazioni la rendono una localizzazione plausibile dell’antica città di Tibula.

Meta turistica molto ambita, il paese è caratterizzato da basse costruzioni. L’economia del borgo è fondata sulla forte presenza turistica, italiana e straniera. Il porto, che ha acquistato importanza diportistica ma ha di fatto perso la connotazione frontaliera con i trattati di libero scambio europei, assicura con collegamenti giornalieri i traffici turistici e merci per Bonifacio in Corsica.

     Scopri di più su Santa Teresa Gallura >